Come progettare la tua cucina

Devi ristrutturare? è una casa nuova? O semplicemente stai sostituendo i tuoi vecchi mobili?
Se quest'ultimo è il tuo caso, e non vuoi intervenire sulle murature spostando attacchi idrici o del gas, sai già dove andranno posizionati gli elementi magari con qualche piccola variante.
Diversa è la situazione dei primi due casi in cui non essendo vincolata ad impianti esistenti potrai realizzare un progetto più vicino alle tue esigenze e aspettative.

Ti consiglio di elaborare il progetto prima che le maestranze inizino i lavori in modo che il risultato sia esattamente come lo volevi. Ho visto più di qualche situazione in cui il lasciar fare ha vincolato le scelte progettuali successive, quindi se puoi e vuoi rivolgiti ad un professionista specializzato in progettazione cucine, oppure prova ad elaborare tu il tuo progetto in base alla forma della tua stanza.

Il primo passo è rilevare le misure delle pareti disponibili per accogliere la cucina tenendo conto di porte, finestre ed eventuali altri ingombri presenti (radiatori, contatori, pilastri ecc).
Di seguito ti illustro le comuni disposizioni di cucina da cui potrai trarre ispirazione.

Tieni sempre in mente che la disposizione corretta dei tre elementi fondamentali: lavaggio, cottura e freddo, deve far sì che una volta disposti, essi formino un triangolo il più possibile equilatero.

Ovviamente questa regola non é applicabile alla composizione in linea, quella cioè che si sviluppa su un’unica parete.

come progettare cucina roma 1

come progettare cucina roma 2

Se la forma della stanza lo permette potrai anche disporre la cucina su due linee parallele.

come progettare cucina roma 3

come progettare cucina roma 4

Se invece hai due pareti contigue da attrezzare si può avere la disposizione ad L o ad angolo.

come progettare cucina roma 5

come progettare cucina roma 6

Se il tuo ambiente è un open space potrai aggiungere una penisola che potrà alloggiare piano cottura o lavello, o semplicemente lasciando il piano libero potrai avere spazio in più per lavorare (che in cucina è sempre molto prezioso) e potrai utilizzarlo come piano snack per colazioni o pranzi veloci, dando alla tua cucina la forma di un piccolo ferro di cavallo.

come progettare cucina roma 7

come progettare cucina roma 8

La stessa forma la potrai avere in una cucina chiusa che ti offra la possibilità di progettarla su tre pareti.

come progettare cucina roma 9

come progettare cucina roma 10

Per chi possiede salone e cucina in un open space, la cucina con l'isola è attualmente una delle più ambite ma spesso non applicabile per questioni di spazio, infatti la distanza minima tra gli elementi a parete e l'isola deve essere di almeno 120 cm. Anche in questo caso puoi decidere se concentrare tutti o parte dei servizi in essa oppure se utilizzarla solo come piano lavoro ed eventualmente come piano snack.

come progettare cucina roma 11